giovedì 5 agosto 2010

Intervista esclusiva con il bassista di Paul McCartney Brian Ray.


"Suonare il basso per Paul McCartney, era quasi impensabile, lui ha praticamente inventato il basso. Anche se faccio parte della sua band ancora mi considero un fan, un seguace, un devoto".


Così dice Brian Ray, nato a Glendale nel sud California 55 anni fa, bassista di Sir Paul McCartney dal 2002, nei concerti di Macca alterna chitarra e basso ed è riuscito a calcare l'invidiabile palco per "non aver mai detto di no ed essere stato sempre pronto. Non si sa mai quando busserà la tua opportunità".

Ray, è un "musicista operaio", ha suonato con tutti, da Bobby Boris Pickett, da Rita Coolidge a Peter Frampton, a Smokey Robinson, eppure ammette che Sir Paul "potrebbe reggere il suo show suonando il basso da solo se lo volesse. Ma penso che davvero gli piace suonare la chitarra ed è bravo in questo. Per fortuna sono abbastanza bravo con entrambi gli strumenti, così sono diventato il suo "go- to Guy "...dice Brian..e per capirci, il "go to a guy" è colui che può risolvere un problema o una situazione difficile di un'altra persona che ha vicino, ad esempio, in ogni squadra di basket che si rispetti è quel giocatore capace di decidere una partita in un'azione, di avere mani ferme e cuore gelido, di azzerare tutto ciò che è successo durante la gara e segnare l'ultimo canestro. Ecco...questo è Brian Ray per Paul McCartney..colui che risolve i problemi e decide il concerto..

Quindi..come ha fatto Ray a diventare il 'go-to guy ' dell'ex dei Fab Four? E che tipo di consiglio si sente di dare agli altri musicisti in cerca di agguantare la loro grande occasione?

MusicRadar gli ha chiesto proprio questo.
Per vedere tutta l'intervista leggi qui

Da www.musicradar.com

2 commenti:

  1. Dimenticavo...ho appena comprato This way up, l'ultimo album di Brian. E' fantastico!

    RispondiElimina
  2. Ce l'ho anch'io....è grande!

    RispondiElimina