sabato 9 aprile 2011

La vera storia degli ultimi giorni dei Beatles.

Che cosa portò Paul McCartney all'annuncio della rottura con la band il 10 aprile 1970.. 


BIPS / Getty
Di  DAVID BROWNE
Domani si "celebra" una ricorrenza che tutti i fans dei Beatles preferirebbero dimenticare: il giorno in cui Paul McCartney ha annunciato al mondo che i Beatles in sostanza non esistevano più. Quattro pagine di intervista a se stesso dove McCartney svelava al mondo la situazione dei Beatles..e cioè che erano irrimediabilmente divisi su "divergenze personali, divergenze economiche, divergenze musicali", che non sapeva se la "rottura sarebbe stata temporanea o permanente"  e ancora alla domanda "se ci sarebbe stata un'altra occasione in futuro in cui Lennon e McCartney avrebbero scritto di nuovo insieme lui rispondeva direttamente e semplicemente, "No".
Ma quali furono le motivazioni di Paul e quali furono gli avvenimenti immediatamente successivi? Mentre sto facendo ricerche per il mio prossimo libro Fire and Rain: The Beatles, Simon & Garfunkel, James Taylor, CSNY and the Lost Story of 1970 , sono andato alla ricerca di documenti di cui avevo sentito parlare a lungo ma non aveva mai visto: i documenti della causa in tribunale per lo scioglimento dei Beatles, il 31 Dicembre 1970.
Le carte che documentano la fine giuridica dei Beatles non sono facili da esaminare. Sono conservate a un'ora da Londra, presso gli Archivi Nazionali, che ospitano documenti storici risalenti a 1000 anni prima, e ho dovuto guardare in una stanza senza finestre, chiuse dall'esterno. Non mi era permesso fotografare qualsiasi documento e non potevo nemmeno usare una matita per prendere appunti.
Nonostante queste limitazioni - grazie all'aiuto di alcune interviste fondamentali - sono stato in grado di mettere insieme una cronologia degli ultimi giorni dei Beatles. Ecco alcune delle cose che ho raccolto.


20 marzo: Allen Klein, dopo aver manipolato gli affari dei Beatles, chiede alla EMI di ritardare l'uscita di "McCartney" , prevista per il 17 aprile. Con l'uscita dell'album "Let It Be" prevista per quel mese e Ringo in procinto di far uscire il suo album solista "Sentimental Journey", Klein è preoccupato per un eccesso di prodotti Beatles nei negozi.
23 marzo: Ignorando la manovra di Klein, Paul finisce "McCartney" negli studi della EMI. Lo stesso giorno, Klein incontra personalmente la EMI e ripete le sue (e degli altri Beatles) richieste. La EMI accetta di rinviare l'uscita di "McCartney" .
31 marzo: John e George scrivono una lettera a Paul per spiegare le loro azioni: "Abbiamo pensato molto al tuo LP e a quello dei Beatles - e abbiamo deciso che è stupido per la Apple far uscire due grandi album, entrambi nella stessa settimana. ... Ci spiace, non è nulla di personale ". Più tardi quel giorno, Ringo consegna a mano la lettera ad un scioccato Paul nella sua casa di Londra, Paul la legge, gli urla e gli chiede di andarsene. "Mi sono veramente arrabbiato quando Ringo mi ha detto che Klein aveva detto che il mio disco non era pronto", dice Paul nella sua dichiarazione giurata alla corte. Ringo convince John e George a lasciare che l'album di Paul esca come previsto e di ritardare "Let It Be" di un mese.

1 aprile: Phil Spector, assunto da Klein per finire "Let It Be", aggiunge sovraincisioni di archi, arpe, un coro e una batteria supplementare a "The Long And Winding Road", senza che McCartney ne fosse a conoscenza .
7 aprile: Gli avvocati di Paul annunciano l'uscita di "McCartney" e i quattro Beatles decidono di incontrarsi per la prima volta dopo mesi venerdì10 aprile, per discutere sul film "Let It Be". Lo stesso giorno, la dichiarazione di Paul - di cui gli altri Beatles non sono a conoscenza- è consegnata all'ufficio stampa della Apple, pronta ad essere distribuita con le prime 100 copie  di "McCartney" .
8 aprile: copie dell'intervista di Paul sono consegnate a mano all' "Evening Standard" e al "Daily Mirror", ai quali viene detto di non pubblicarla per almeno due giorni.
9 aprile: con un giorno d'anticipo, il "Daily Mirror" fa uscire un articolo dove si dichiara che Paul ha lasciato i Beatles. Paul chiama John, che ha già sentito parlare dell'annuncio dall' "Evening Standard". Mal Evans lo apprende alla radio e lo dice a George nella sua casa Park Frate fuori Londra.
10 Aprile: l'annuncio di Paul diventa globale e i fan cominciano ad affluire all'esterno del quartier generale della Apple. Un reporter televisivo sulla scena dichiara: "L'evento è così importante che gli storici potrebbero ricordarlo come una pietra miliare nel declino dell'impero britannico." Non sorprendentemente, il team di McCartney telegrafa Apple l'annullamento della riunione prevista con i Beatles per quel giorno.
16 aprile: colpito dal modo in cui i fan hanno reagito alla rottura dei Beatles Paul chiama Ray Connolly dell' Evening Standard per un'intervista. Paul afferma che la presenza di Yoko Ono ha avuto un ruolo importante nelle tensioni del gruppo e ammette di aver buttato Ringo fuori di casa. "Non volevo lasciare i Beatles," dice. "I Beatles hanno lasciato i Beatles. Ma nessuno voleva essere quello che avrebbe detto la festa è finita". Quando John legge l'intervista qualche giorno dopo - in particolare la parte in cui Paul si lamenta del coro femminile aggiunto in  "The Long and Winding Road" sbotta e dice, "E questo è tutto? Solo quelle maledette ragazze?"



Da www.rollingstone.com

2 commenti: