domenica 22 maggio 2011

Ringo Starr: "A Paul piace pensare di essere l'unico Beatle rimasto"


Ringo Starr guarda una foto di lui da giovane e ride .
"Noi non sapevamo cosa avremmo trovato davanti a noi. Non si sa mai. Non pensavamo che sarebbe durato. "
L'immagine in bianco e nero mostra i Beatles in giacca e cravatta nei primi anni Sessanta, in attesa di apparire in uno show televisivo. Ringo non è sicuro quale fosse. Paul sta fischiando, George è distratto, John si guarda in giro e Ringo sta fissando la telecamera con i piedi sullo schienale di una sedia. Nella foto sembra tra i 4 di gran lunga quello più a proprio agio.

"Anche se Paul pensò, "Beh, io probabilmente finirò a fare lo scrittore." Lo stesso pensava  John. George invece pensava di aprire un garage."
Ma Ringo era un batterista prima dei Beatles e lo è ancora, molto tempo dopo di loro. Quasi mezzo secolo più tardi, all'età di 70 anni, il ragazzo in quella foto si sta preparando per andare di nuovo in tour, girando la Gran Bretagna e l'Europa con l'ultima formazione della sua All Starr Band.
Egli raramente concede interviste e si sente frustrato quando l'unica cosa che gli chiedono è sui Fab Four, ma oggi si sente a suo agio con essa. Quindi eccolo rispondere  alla fatidica domanda. Come ci si sente ad essere un Beatle, alla sua età?
"E 'difficile, perché le persone non vogliono che tu cresca. Un sacco di persone al di fuori dei Beatles vogliono tenermi in quel mondo. Loro si ricordano di quel ragazzo di "A Hard Day's Night" e pensano: "E 'ancora lui." Vogliono che tu sia stessa persona di quel film, di quel disco."
L'impertinente chappy? "Sì. Proprio così. "
Ringo Starr

Che cosa avrebbe detto a quel giovane Ringo, se avesse potuto? 
"Chi, io? Io non lo so. "Ehi, come stai?", Oppure "Hey, cool!" 
Egli fa il suo solito segno di pace con entrambe le mani e ridacchia. Ringo non ha mai preteso di essere profondo. E' sempre stato il "clown" della band, il volto amico che i bambini e le nonne amavano. Ma non ha rinunciato all' idealismo degli anni Sessanta, anche dopo tutto questo tempo. "Pace e amore" è il suo slogan e la sua T-shirt dice "Give Love".
Ama ancora vestirsi come una rock star - abito scuro, occhiali scuri, tre grandi orecchini  d'argento nel lobo dell'orecchio, capelli spazzolati in avanti e barba tagliata incolta, entrambi sospettosamente neri. Ringo è basso, magro, un tipo comune, eppure è un grande..riecheggiano ancora le immagini di lui alla batteria al Cavern, allo Shea Stadium, sul tetto del palazzo della Apple..
Ringo e Sir Paul McCartney.  Come stanno affrontando la vecchiaia i due unici membri superstiti della band più famosa del mondo?
"Siamo più vicini alla vecchiaia di quanto vogliamo esserlo", dice ridendo. Siamo gli unici due Beatles ancora in vita, anche se a lui piace pensare di essere l'unico".
The Beatles during rehearsals for The Ed Sullivan Show, 1964

Ringo ha l'abitudine di dire cose audaci con una faccia che sa mascherare alla perfezione ciò che prova e riesce a non far capire agli altri ciò che sta pensando, quindi non si capisce mai se sta scherzando o se dice sul serio. Sicuramente sa ridere di questo argomento, come è successo a Comic Relief.
Come ricorderete James Corden e altre superstar discutevano su chi avrebbe dovuto recarsi in  Africa, fino a quando Sir Paul dice in modo pomposo, come solo un cavaliere del regno può dire: "Voi tutti sapete che a questo tavolo l'unico che può andare sono io. Sono stato nella band
 rock più grande della storia della musica ... io sono l'ultimo Beatle superstite"!
Tutti tacciono in un timorito accordo  - fino a quando una voce familiare dice:"E io?"
E 'divertente , certo, ma come ha fatto Comic Relief a convincere Ringo per farlo? 
"Ho pensato che fosse un grande sketch, ha funzionato molto bene. Ho girato la mia parte a Los Angeles, in un albergo seduto davanti a una telecamera".
Le migliori battute si basano sulla verità, così si sente davvero come un "dimenticato"? E Paul per caso si sente troppo importante?
"C'è una parte di verità" dice Ringo, prima di una lunga pausa di riflessione.
"Ma penso che sia la gente al di fuori, che pensano a Paul come l'unico Beatle rimasto. In realtà, sono io. Io sono l'ultimo Beatle superstite."
E' impassibile la sua dichiarazione. E ti rendi conto che Ringo è un uomo veramente  coinvolgente. Non mi stupisce che siano ancora amici lui e Macca.
"Siamo buoni amici. Non passiamo tantissimo tempo insieme, ma se siamo nello stesso paese, ci ritroviamo. Ha cantato e suonato nel mio ultimo album e io ho suonato in molti dei suoi. Siamo compagni. Siamo gli unici due che hanno vissuto tutto questo e che sono ancora qui."
La coppia ha collaborato con le vedove di John e George, Yoko Ono e Olivia Harrison, per gestire l'eredità dei Beatles. Ma com'è il rapporto con loro?
"Sono stato con Yoko e Olivia in Islanda nel mese di ottobre per le celebrazioni di quello che sarebbe stato il 70esimo compleanno di John. Lei e mia moglie Barbara sono veramente buone amiche. E' salita sul palco con me per il mio compleanno. Tutti insieme siamo OK. Qual è il punto? "


Il rancore che ha seguito la separazione dei Beatles è durato degli anni, ma adesso sembra essere andato. Yoko si esibì alla festa del 70 ° compleanno di Ringo al Radio City Music Hall di New York la scorsa estate dove Sir Paul cantò la celebre canzone dei Beatles "Birthday". 
Gli chiedo se una reunion sarebbe potuto diventare possibile se John e George fossero stati  ancora in vita.
"Non lo sappiamo", dice Ringo con un sospiro, che può essere perché la domanda lo irrita o perché lo rende triste. 
"Non l'abbiamo fatto quando ci siamo separati. Dio solo lo sa. Ma sarebbe stato un grande momento per me se tutti e quattro ci fossimo seduti a parlarne. Non succederà mai più."
Si sta agitando, penso sia ora di domande che riguardino il presente, così gli chiedo se è infastidito dal fatto che egli non sia stato nominato Cavaliere come Sir Paul. 
"Bè. E' dipeso da loro. Non certo da me. E' una cosa che non cambia la mia vita. Molti hanno iniziato delle campagne, ma con quelle non si va mai da nessuna parte. Forse dovresti iniziarne una. Che cosa posso dire? Ecco perché ho chiamato il mio ultimo album "Y Not". Per tutte le domande del genere, posso solo dire: "Beh, perché no?" Ho pensato fosse cool usare solo la lettera Y."
L'idea di "cool" di Ringo è unica. Non stringe la mano, ma preferisce battere i gomiti. Il pubblico britannico lo vedrà molto questa estate, in tour con la sua All Starr Band, con la quale si accompagna dal 1989. Perché riesce ancora a  farlo?
"Amo ancora suonare.Scendo dalla batteria per cantare "Photograph" o qualsiasi altra cosa, poi ci ritorno per suonare con tutti questi musicisti. Ho la possibilità di essere sia l'intrattenitore che musicista. Ognuno di loro è una star, ma io sono la grande star. La band arriva a fare 12 numeri e io li faccio tutti e 12."
Ringo fa pezzi dei Beatles, ma anche suoi successi della sua carriera solista da alcuni dei suoi 16 album registrati da quando i Beatles si sono sciolti. Ha mai invitato Sir Paul a unirsi a voi?
"Ogni volta che gli chiedo di unirsi alla All Starr dice che è troppo occupato. Ogni volta gli dico che avrà i suoi due numeri ..."




Ringo has been married to former Bond girl Barbara Bach for 30 years
Ringo è stato sposato con l'ex Bond girl Barbara Bach per 30 anni
Così Ringo ci parla delle canzoni che ha cantato nel suo primo concerto. 
"With A Little Help From My Friends, Yellow Sub. E Boys, che ho suonato ai tempi di Rory Storm and The Hurricanes, la band nella quale suonavo prima dei Beatles.
I fan amano vedermi suonare e cantare con la batteria. Mi sento in dovere di fare cose che loro sono venuti apposta a sentire. "
Oggi è il 30 ° anniversario del suo matrimonio con Barbara Bach. 
"C'è una canzone del nuovo album che dice: "“The worst it ever was, was wonderful.” That’s a cool line. Everything in it relates to Barbara. I loved the woman from when we met and I still love the woman, and I know she loves me. It’s not like we don’t have a row, but underneath it all there’s always love."

La Bach era una Bond girl, una delle donne più belle del mondo, quando per la prima volta Ringo ha posato gli occhi su di lei nel 1980. 
"L'ho incontrata all'aeroporto di Los Angeles. Il suo ragazzo la stava mettendo sull'aereo. Ero dall'altra parte del banco per fare il mio biglietto e mi sono innamorato di quella donna. Poi siamo andati in Messico per fare un film insieme, "Caveman", e ho avuto modo di conoscerla attraverso questo".
Ringo era stato sposato in precedenza con Maureen Cox e ha avuto due figli e una figlia (suo figlio Zak è anch'esso un batterista e ha suonato con gli Oasis).  Nel 1981 divorzia ed è libero di sposare Barbara. Sembravano avere tutto,  invece sette anni più tardi dovettero rinchiudersi in una clinica in Arizona per disintossicarsi dall'alcool; dice Ringo: "Abbiamo entrambi hanno una personalità dipendente"
Avete attraversato alcuni momenti difficili, allora? 
"Siamo stati insieme per 30 anni, quindi abbiamo passato tutti i momenti. E siamo ancora insieme. "
La coppia ha una Fondazione di carità, la Lotus Foundation, che sostiene progetti per aiutare le persone colpite da dipendenza, così come la violenza domestica, paralisi cerebrale e cancro. Vivono a Los Angeles e nel Surrey.
"La nostra casa è l'Inghilterra. Ci passiamo metà della nostra vita qui"
Lei non è uno di quegli uomini ricchi che abbandonano il paese dicendo che sta andando in malora?
"Non la nostra casa", dice seccamente californiano nella sua voce, solo per un attimo. 
"La nostra casa è grande." 
Un palazzo del 17 ° secolo in 200 acri di campagna nel Surrey è certamente grande, rispetto a dove è venuto,dalla casa al N. 9 di Madryn Street, nella zona di Dingle, a  Liverpool, della quale è stata prevista la demolizione da parte del consiglio comunale, anche se il  ministro Grant Shapps sta opponendosi al piano. Ringo non è sentimentalmente vicino al luogo ed è chiaramente dalla parte dei residenti locali che vogliono nuove case.
"Devi solo andare in giro lì per vedere dove ho vissuto. Era buio e umido. Devo dire che quelle parole sulla mia canzone "The Other Side Of Liverpoo" sono vere: “The house I lived in was cold and damp/My mother was a barmaid/At the age of three, my father was gone.” 

"Da bambino non ti importa. Questo è ciò che conoscevamo. Ogni donna nella nostra strada era una madre se la mia non c'era. Se cadevi qualcua veniva a tirarti su. Se davi un colpo di tosse qualcuna ti dava lo sciroppo per la tosse. Ho avuto una grande infanzia, oltre ad essere un po 'malato. Ma poi ci si sposta. Si cresce. Io non sono un bambino. Sono andato avanti. "
Non tutti apprezzano questo. 
"Quando i Beatles si sono trasferiti a sud di Londra ci sono state persone a Liverpool che ci hanno chiamato traditori. Sai, è come dissero a Bob Dylan quando passò agli strumenti elettrici. Ero lì quella notte, tra l'altro. Persone così non vogliono che tu cresca in alcun modo. "
Ringo works with Sir Paul and the widows of John and George, Yoko Ono and Olivia Harrison, on managing the Beatles legacy


L'ultima volta che è tornato a Liverpool, nel 2008, c'è stato un enorme polverone su qualcosa che ha detto. 
"Non al concerto. Ho suonato alla Echo Arena e tutto ciò è stato grande. Poi ho allo show di Jonathan Ross e lui mi chiese: "C'è qualcosa che ti manca Liverpool?" Dissi, "No" mi è venuta questa risposta impertinente. E 'stato divertente. Ho pensato che tutta Liverpool avrebbe riso."
Invece no. Ci furono denunce alla BBC. Ignoti decapitarono la sua statua, inaugurata due settimane prima, in una scultura fatta di foglie, che rappresentava i quattro Fab Four. 
"Mia zia e i miei parenti risero a quello che dissi a Jonathan. Sai, avevo appena incontrato la mia intera famiglia - quello che ne resta- per il tè la Domenica ".
A casa sua?
"Come? Ho una casa a Liverpool! No. Nel retro dell' Arena. Affittammo un locale e facemmo una grande cosa. La famiglia è ancora importante per me. Mia madre è morta, così non ci non torno molto spesso. "
Non è tornato a Liverpool da allora - e non ha parlato di questa polemica fino ad ora. 
"Ma ci torno quest' estate per fare quello che so fare meglio."
La carriera di Richard Starkey, nato nel 1940, sarebbe stata molto diversa se il ragazzo avesse ascoltato la sua famiglia. Avendo fatto la sua prima batteria all'età di 13 anni, con scatole di biscotti e pezzi di legna da ardere, nell'estate del 1960 affrontò una decisione enorme. 
"Ho lavorato in una fabbrica, per Henry Hunt and Sons, una società di ingegneria dell'energia elettrica. Sono stato un ingegnere apprendista e questa era una notizia molto importante per la  nostra famiglia. Ma in quel periodo stavo anche suonando con Rory and The Hurricanes e arrivò l'offerta di un concerto di tre mesi a Butlin's al Skegness e Pwllheli, così abbiamo dovuto lasciare i nostri lavori. Tutti i miei zii e le zie cercarono di convincermi che suonare la batteria era solo un hobby. Dovetti stare lì e difendermi. Dissi: "No, io sono un batterista, parto!" Questo è un momento alla Sliding Doors. Certe decisioni sono importanti."
Dopo Butlin andarono una stagione ad Amburgo, nello stesso periodo nel quale anche i Beatles erano lì, che portò all' invito di unirsi a loro. John Lennon disse che la gente si dimentica che Ringo era una star già prima di unirsi alla loro band.
"Lo ero. A Liverpool sono stato molto più famoso di loro. Rory and The Hurricanes sono stati pezzi grossi in città. Avevamo vestiti. Questo era la nostra rivendicazione alla fama."
Quindi, invece di dire che Ringo è stato fortunato a unirsi ai Beatles - come un sacco di gente gelosa ha detto in tutti questi anni - è l'esatto contrario? 
"Sì. Sono stati loro fortunati a prendermi. Non era solo che io ero un pezzo grosso, io ero un batterista cool. Brian Epstein mi chiese se volevo suonare al Cavern con loro. È così che ho iniziato".
C'è un motivo per cui è ancora sulla breccia dell'onda. Forse stava scherzando prima, ma forse Ringo è davvero colui che è rimasto più vicino allo spirito originale dei Beatles, come i ragazzi di Liverpool che suonarono nei club, ha lavorato sulla loro musica ed ha fatto sentire bene il pubblico. E' l'unico dei Fab Four che non va trattato come una leggenda, perchè è esattamente quello che vuole.
"Questo è vero. Sono un papà, un nonno e un marito. Sono un ragazzo normale. Mi piace fare cose normali. "
Ora che puoi sentire quello che stai suonando in modo chiaro, con tutte quelle canzoni rimasterizzate, Ringo è finalmente pronto per ottenere l'onore che merita. La battuta di John che diceva che Ringo non era il miglior batterista dei Beatles è stata messa a tacere quando la rivista Rolling Stone ha recentemente paizzato Ringo al quinto posto tra i batteristi più grandi di tutti i tempi.
"Ho fatto un po' di grande musica. E non ho ancora finito. "
Si alza per andare e io gli dico che è stato un onore. Ringo ride ad alta voce.

"Un onore, dici? Ha! Questo è grande. Mettilo nel tuo dannato articolo. Pace e amore fratello, pace e amore ".

 Da www.dailymail.co.uk/home/moslive/article-1388489/The-Beatles-Ringo-Starr-Paul-McCartney-likes-think-hes-remaining-Beatle.html

Nessun commento:

Posta un commento