sabato 29 dicembre 2012

La regina onora Stella McCartney.

stella

Stella McCartney, che ha disegnato le uniformi indossate dalla squadra olimpica britannico, e il fisico scozzese Peter Higgs, che ha dato il nome alla cosiddetta 'particella di Dio', sono tra le centinaia di personalità britanniche che verranno onorate da Regina Elisabetta II nel nuovo anno.

La lista è particolarmente ricca per gli eroi olimpici della Gran Bretagna che hanno vinto 65 medaglie durante i Giochi di Londra 2012, ma include anche l'attore Ewan McGregor, l'eccentrica cantante inglese Kate Bush, e Jamie Lowther-Pinkerton, l'aiutante reale che ha contribuito a organizzare le nozze del principe William e Kate Middleton.

Le onoreficenze vengono concesse due volte all'anno dalla regina, a Capodanno e per il suo compleanno ufficiale a giugno. Benché alcuni nomi siano scelti da lei stessa, la stragrande maggioranza dei beneficiari sono selezionati da commissioni governative di nomine fatte da funzionari e membri del pubblico.

I gradi delle onorificenze, in ordine decrescente, sono: cavalierato, CBE (Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico), OBE (Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico) e MBE (membro dell'Ordine dell'Impero Britannico). I cavalieri ottengono il titolo di 'sir' o 'dame'.

La McCartney è stata insignita del titolo di Ufficiale: la stilista figlia dell'ex-Beatles Paul McCartney e la sua prima moglie Linda, ha fatto del cognome un sinonimo di moda in Regno Unito quasi come lo è nella musica, grazia alla creazione di un business di successo e un marchio acclamato.

I risultati di Higgs, che hanno fatto di lui un Companion of Honour per i meriti eccezionali nell'ambito della scienza, toccano la natura e le origini dell'universo. Col suo lavoro nel campo della fisica teorica, il ricercatore 83enne ha cercato di spiegare ciò che dà peso alle cose: il bosone di Higgs, una particella subatomica inafferrabile che dà massa degli oggetti e si combina con la gravità per dare loro peso. All'inizio di quest'anno gli scienziati che lavorano presso l'Organizzazione europea per la ricerca nucleare, o CERN, hanno annunciato di aver trovato prove convincenti dell'esistenza del bosone.

Tutte le medaglie d'oro britanniche dei Giochi di quest'anno sono sulla lista, con il cavalierato per il ciclista Bradley Wiggins e il velista Ben Ainslie. Il dirigente sportivo Sebastian Coe, presidente del Locog, il comitato organizzatore dei Giochi olimpici del 2012, è stato insignito dello stesso prestigioso titolo assegnato a Higgs.

Gli elenchi di onoreficenze non dimenticano mai lo star power, e quest'anno non è stato diverso. Ewan McGregor, reso noto dal ruolo di protagonista in 'Trainspotting' e che poi ha impersonato il giovane Obi-Wan Kenobi nei prequel di 'Guerre Stellari', come la McCartney è stato insignito di un OBE. La cantante Kate Bush, che nella sua carriera musicale ha cantato hit come 'Wuthering Heights' e 'Running Up That Hill', ha ottenuto un CBE.

Tra le personalità politiche e delle forze dell'ordine, al Capo di Scotland Yard Bernard Hogan-Howe è stato assegnato il titolo di Cavaliere, così come all'ex ministro degli Esteri britannico Margaret Beckett, ora Dama Comandante dell'Ordine dell'Impero Britannico; la moglie dell'ex primo ministro Tony Blair, Cherie, ha ottenuto il CBE per il suo lavoro di beneficenza. Il capo dell'agenzia per la sicurezza e il controspionaggio MI5, Jonathan Evans, è stato nominato Cavaliere Comandante dell'Ordine di Bath.

Infine, l'uomo che ha creato il matrimonio del decennio, Jamie Lowther-Pinkerton, principale segretario privato del Duca e la Duchessa di Cambridge (come il principe William e sua moglie sono formalmente noti) è stato fatto Tenente dell'Ordine Reale Vittoriano, riconoscimento per chi si è distinto per i servigi al monarca.

giovedì 27 dicembre 2012

Sir George Martin riceverà il Music Producers Guild Awards

George Martin

Sir George Martin aggiungerà un altro premio ai tanti già ricevuti nella sua lunga carriera. In febbraio infatti in occasione del Music Producers Guild Awards sarà conferito all'uomo spesso definito "il quinto Beatle" il premio "Outstanding Contribution to U.K. Music" per il suo contributo alla musica britannica .
Il leggendario produttore contribuì senza alcun dubbio al successo dei Beatles, eppure Martin produsse i brani di artisti come Shirley Bassey, Gerry & The Pacemakers e America.

Steve Levine, presidente della 
Music Producers Guild, ha dichiarato: "Il premio è un riconoscimento a coloro che hanno dato un contributo significativo al successo dell'industria discografica britannica per un lungo periodo di tempo, quindi siamo entusiasti che Sir George Martin abbia deciso di accettare la più alta onorificenza della Music Producers Guild.  Molti produttori discografici in tutto il mondo hanno con George un enorme debito di gratitudine, non solo per le sue tecniche di produzione, ma anche per i suoi sforzi per garantire a tutti i produttori un giusto compenso per il loro lavoro. "

All'inizio di quest'anno, il lavoro di Martin è stata raccontato nel documentario della BBC,  ‘Produced by George Martin.’ La cerimonia di premiazione in onore di Martin si svolgerà il 7 febbraio al Café de Paris a Londra.




mercoledì 26 dicembre 2012

I Beatles al posto di Darwin sulla nuova banconota da 10 sterline?




I Beatles figurano tra i 150 nomi della storia britannica che sono allo studio della Banca d'Inghilterra per diventare il nuovo volto della banconota da 10 sterline. La Banca d'Inghilterra ha pubblicato un elenco di grandi personaggi inglesi che saranno votati 
da un referendum pubblico per comparire sulla “facciata A” della nuova banconota da 10 sterline, sulla quale fin'ora è apparso figura lo scienziato Charles Darwin. 
Nella lista, oltre ai Beatles,  appaiono anche la Principessa Diana, la Regina Madre, il Pricipe di Edinburgo, Mick Jagger, Robbie Williams, David Beckam, gli scrittori William Shakespeare e Geoffrey Chaucer , il primo ministro Winston Churchill, ma anche l’attore John Cleese (dei Monty Python), il premio Nobel per la medicina Alexander Fleming e Alan Turing, il crittografo considerato il padre della scienza informatica. 

sabato 22 dicembre 2012

Paul al Saturday Night Live: le foto dalle prove.

13 dicembre 2012: Martin Short con Paul, Studio 8H, NBC Studios, Rockefeller Center, New York

Paul  con Martin Short

Paul con Joe Walsh durante le prove di  'My Valentine'

13 dicembre 2012
Dave Grohl, Paul, Pat Smear e Krist Novoselic, Studio 8H, NBC Studios, Rockefeller Center, New York

Per vedere tutte le foto delle prove del SNL andate sul sito ufficiale di Sir Paul www.paulmccartney.com/the-collection/27407-paul-on-snl-15th-december-2012

martedì 18 dicembre 2012

Band On The Roof: "Here There And Everywhere"

I "Band on the roof " augurano a tutti i fan un felice Natale 2012 e hanno scelto di farlo attraverso il video di "Here There And Everywhere".. e non c'era brano più adatto! 
Grazie ragazzi..auguri anche a voi. 

lunedì 17 dicembre 2012

12-12-12 Rehearsals




Ecco le foto più belle dell'evento "12. 12. 12" dal sito ufficiale di Sir Paul. 
Per vederle tutte clicca qui.
Da www.paulmccartney.com/the-collection/27393-12-12-12-rehearsals

Paul McCartney :oltre a 11 milioni di guadagno nel 2012.

Paul McCartney ha fatto 11 milioni nel 2012

Secondo il sito Gigwise il profitto per l'anno 2012 di Sir Paul McCartney sarebbe di oltre 11 milioni di sterline.

Il fatturato della sua intera attività è ancora inferiore rispetto a quella dello scorso anno, anche se crediamo che Paul, con le sue 
28.959.159 sterline, a fronte di 29.704.314 dello scorso anno, non si lamenterà di certo.

Una fonte ha detto al Sun, "Il tour ha avuto un incredibile successo e il suo ultimo album, "Kisses On The Bottom", ha venduto molto bene."

Paul McCartney Feat. Nirvana al SNL con "Cut Me Some Slack": ecco il video!


Paul McCartney Feat. Nirvana - Cut Me Some Slack... di IdolxMuzic

"Cut Me Some Slack": ecco la versione in studio del brano



Presentato in anteprima assoluta durante "12.12.12",  il concerto benefico al Madison Square Garden di New York, da oggi si può ascoltare nella versione in studio. "Cut me some slack" è stato scritto da Dave Grohl 
e Krist Novoselic con la collaborazione di Sir Paul McCartney.

Il brano sarà anche la colonna sonora del documentario "Sound City", diretto da Dave Grohl, che racconta la storia degli storici studi di Los Angeles Sound City.
Eccovi la versione studio del brano.

domenica 16 dicembre 2012

Paul McCartney al Saturday Night Live.










Per la seconda volta questa settimana Sir Paul McCartney si è esibito co
i membri sopravvissuti dei Nirvana nel brano "Cut Me Some Slack" e il tutto è successo durante la puntata di ieri sera del Saturday Night Live, dove McCartney era ospite. McCartney ha anche interpretato "My Valentine" accompagnato alla chitarra da Joe Walsh e "Wonderful Christmas Time" con i bambini del New York Children's Chorus.
In attesa che ci siano in circolazione dei video da pubblicare vi posto due esibizioni di pochi secondi.
Alec Baldwin dal suo account di Twitter ha scritto "McCartney gives a private show for the SNL audience after the live show. He is a miracle.." 
No doubt..

video


video

giovedì 13 dicembre 2012

Courtney Love sulla reunion dei Nirvana con Paul:"Non è divertente".


A quanto pare Courtney Love non è molto felice della collaborazione tra Paul McCartney e i sopravvissuti 
membri dei Nirvana, anzi,  l'idea "non la diverte" affatto.

La vedova di Kurt Cobain ha dichiarato a TMZ  che sarebbe stata più impressionata se sul palco del concerto "12.12.12", insieme agli ex compagni del marito scomparso ci fosse stato John Lennon al posto di McCartney. "Guarda, forse 
sarebbe stato bello solo se John fosse stato ancora vivo" ha puntualizzato.

La band h presentato al pubblico l'inedito "Cut me some slack", che sarà su iTunes il prossimo 10 gennaio e la versione studio del brano sarà la colonna sonora di "Sound city", il documentario sulle storiche sale di ripresa californiane teatro delle session di Nirvana, Cheap Trick, Guns N' Roses e Tom Petty e prodotto dallo stesso Dave Grohl.


12.12.12: e va in scena la storia del rock.



C'era davvero il meglio della storia del rock sul palco del Madison Square Garden stanotte!

Per chi come me non se l'è sentita di fare le ore piccole, nell' attesa di vederlo dall'inizio alla fine eccovi il video dell'esibizione di Sir Paul con i Nirvana. "
Cut Me Some Slack", questo il titolo del brano nuovo di zecca della band! Molto "Helter Skelter"..in poche parole.. uno spettacolo!

Set List :
Bruce Springsteen and the E-Street Band
Hope And Dreams
Wrecking Ball
My City Of Ruins
Born To Run (w Jon Bon Jovi)

Roger Waters
In The Flesh
Another Brick In The Wall
Money
Us And Them
Comfortably Numb (w Eddie Vedder)

Bon Jovi
It’s My Life
Wanted Dead Or Alive
Who Says You Can’t Go Home (w Bruce Springsteen)
Livin’ On A Prayer

Eric Clapton
Nobody Knows You When You’re Down and Out (Jimmy Cox cover)
Got to Get Better in a Little While
Crossroads (Robert Johnson cover)

The Rolling Stones
You Got Me Rocking
Jumpin’ Jack Flash

Alicia Keys
Brand New Me
No One

The Who
Who Are You
Bell Boy
Pinball Wizard
See Me, Feel Me
Baba O’ Riley
Love, Reign O’er Me
Tea & Theatre

Kanye West
Clique
Mercy
Power
Jesus Walks
All of The Lights
Diamonds From Sierra Leone
Diamonds (Rihanna cover)
Touch The Sky
Gold Digger
Good Life
Runaway
Stronger

Billy Joel
Miami 2017 (Seen the Lights Go Out on Broadway)
Movin’ Out (Anthony’s Song)
New York State of Mind
The River Of Dreams
You May Be Right
Only the Good Die Young

Chris Martin
Viva La Vida (Coldplay song)
Losing My Religion (R.E.M. cover) (w Michael Stipe)
Us Against the World (Coldplay song)

Paul McCartney
Helter Skelter (The Beatles song)
Let Me Roll It (Wings song)
Nineteen Hundred and Eighty-Five (Wings song)
My Valentine (w Diana Krall on piano)
Blackbird (The Beatles song)
Cut Me Some Slack (“Nirvana Reunion” W Dave Grohl, Krist Novoselic, Pat Smear)
I’ve Got a Feeling (The Beatles song)
Live and Let Die (Wings song)
Empire State of Mind (cantata da Alicia Keys)

mercoledì 12 dicembre 2012

E' morto Ravi Shankar il maestro che influenzò i Beatles

Ravi Shankar con George Harrison negli anni '70.

E' morto ieri dopo un intervento al cuore Ravi Shankar, il Mozart del sitar indiano". Aveva 92 anni. Qualcuno lo ha definito "Il musicista indiano più famoso del pianeta", "Un tesoro nazionale e un ambasciatore globale del patrimonio culturale dell'India", ha detto di lui Manmohan Singh, l'attuale primo ministro dell'India. Ravi Shankar è morto ieri all'età di 92 anni in un ospedale di San Diego, California. Triplo vincitore di un Grammy Awards, Commendatore delle Arti e delle Lettere in Francia, Ravi Shankar è stato il più internazionale e più amato tra i maestri di sitar indiano degli ultimi cinquant'anni.


Nel 1965 Shankar ispirò i Byrds  ( Eight Miles High ), ma prima di tutto George Harrison che, dopo aver acquistato un sitar lo suonò nella famosissima  "Norwergian Wood" . L'anno seguente George reincontra Shankar a Londra e lo segue in India, dove gli insegnerà la sua arte. Si riuniranno nel 1971, durante il famoso concerto di beneficenza tenutosi a New York a favore del Bangladesh. "Quando ho iniziato a lavorare con George Harrison, sono diventato un pò pop star anch'io", confidò Ravi Shankar. "Ovunque andassi mi riconoscevano. Non mi piaceva affatto."
Ravi Shankar aveva avuto tre figli: Shubendhra Shankar, nato dal suo primo matrimonio e morto nel 1992,  Norah Jones, la nota cantante americana,  nata nel 1979 dalla sua relazione con Sue Jones e Chi Anoushka Shankar nata nel 1981 dal suo secondo matrimonio, diventata negli ultimi anni il suo più stretto collaboratore.
Fu Ravi Shankar nel 2003 ad aprire il Concert For George. Introdotto a sua volta da Eric Clapton disse:  "Dear friends, I strongly feel that George is here tonight. I mean, how can he not be here, when all of us who love him so much have assembled all together to sing for him, to play music for him. I'm sure he's here. Thank you."
Ora suoneranno insieme...ovunque essi siano..
Riposa in pace maestro.




12.12.12:Sir Paul sostituirà Kurt Cobain nella reunion dei Nirvana

kristnovoselicdon'twantmeforasunbeam


Sarà Paul McCartney a ricoprire il ruolo che fu di Kurt Cobain nei Nirvana stasera durante "12.12.12" il concerto per le vittime dell'uragano Sandy.
L'ex Beatle si unirà al cantante dei Foo Fighters Dave Grohl e al bassista Krist Novoselic per cantare una nuova canzone della band, che in gran segreto hanno provato insieme in queste settimane. Grohl e Novoselic non suonano insieme da quando Kurt Cobain si tolse la vita nel 1994.E' stato proprio Grohl a telefonare a McCartney chiedendogli se voleva  "suonare con degli amici", così McCartney si è ritrovato a suonare con Grohl alla batteria, il bassista Novoselic e il chitarrista Pat Smear, che era in tour con i Nirvana negli ultimi sei mesi di carriera della band. "Non sapevo bene chi fossero i Nirvana." ha detto Macca.."Mi hanno detto quanto sia bello per loro suonare ancora insieme. E io ho detto:. ' Whoa! Voi ragazzi non avete suonato insieme per tutto questo tempo'?

"E qualcuno mi ha sussurrato: 'Questi sono i Nirvana e tu sarai Kurt.'. Io non ci potevo credere."



Vi ricordo che oltre a Sir Paul anche i Rolling Stones, Jon Bon Jovi, Eric Clapton, Billy Joel, Bruce Springsteen e Kanye West parteciperanno al concerto al Madison Square Garden di New York.


Paul McCartney Talks Hurricane Sandy

martedì 11 dicembre 2012

"12.12.12": ecco dove sarà possibile vedere il concerto.




Cresce l'attesa per "12.12.12", il concerto benefico a favore delle popolazioni colpite dall'uragano Sandy che si svolgerà domani sera al Madison Square Garden e che vedrà la partecipazione di artisti del calibro di Bon Jovi, Eric Clapton, Dave Grohl, Billy Joel, Alicia Keys, Chris Martin, Bruce Springsteen & The E Street Band, Eddie Vedder, Roger Waters, Kanye West, The Who e naturalmente il nostro Sir Paul McCartney. 

La bella notizia è che sarà possibile assistere all'evento. 
Per visualizzare l'elenco dei siti che lo trasmetteranno in streaming cliccate qui .


Su youtube si potrà vedere su www.youtube.com/watch?v=s5cxpRRmCg8.
Sarà possibile seguire il concerto anche su Sky Uno (canale 109) a partire dall'1:30 del 13 dicembre, con replica alle 22:00 del 14 dicembre.

Se volete fare le ore piccole..

lunedì 10 dicembre 2012

All'asta il disco firmato da Lennon per Chapman

All'asta il disco firmato da Lennon per Chapman

“Moments In Time”, famosa casa d'aste americana, ha messo in vendita la famigerata copia di “Double Fantasy” firmata da John Lennon per Mark David Chapman, il suo assassino.
Il disco fu trovato nel 1980 da un giardiniere vicino al luogo del terribile omicidio, il palazzo Dakota di New York, per poi essere venduto dallo stesso nel 1999 ad un anonimo privato, il quale lo ha rimesso in vendita due giorni fa in occasione del 32esimo anniversario della morte di Lennon.
“Sull'oggetto è impressa la firma di John Lennon ed è datato 1980”, scrive la casa d'aste Moments In Time,“al suo interno vi sono ancora le impronte di Chapman ed una lettera della polizia di New York, scritta per ringraziare il giardiniere dell'immenso aiuto dato nel corso delle indagini contro Chapman”. Il New York Post ha annunciato un prezzo base di 850 mila dollari.

domenica 9 dicembre 2012

Paul McCartney :"Alle Olimpiadi sbagliai per colpa della campana!"




Tutti si ricorderanno che Sir Paul McCartney sbagliò la partenza di "Hey Jude" alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Londra, di fronte a 60.000 persone e a un miliardo di pubblico televisivo.

Ora l'ex-Beatle ha spiegato perché successe: rimase assordato dall'enorme campana 

olimpica.

Sir Paul eseguì il brano alla fine della cerimonia dopo che il ciclista Bradley Wiggins fece suonare la campana da 23 tonnellate che dava ufficialmente il via ai Giochi.



McCartney ha ammesso: " Avrei dovuto aspettare un segnale. Ma lo dimenticai.Perchè? Beh, c'era quella maledetta enorme campana. E 'stata assordante.'

In un'intervista alla rivista musicale NME, Sir Paul, che cantava dal vivo, ma era accompagnato da una base musicale preregistrata, ha parlato del suo imbarazzo per la gaffe al termine delle quattro ore di spettacolo.
Aveva registrato la sua voce con la musica di sottofondo.
L'idea era che quando sarebbe stato dal vivo ci avrebbe cantato sopra, in modo che la sua voce sarebbe stata più forte e avrebbe raggiunto l'intero stadio.

Ma dopo i rintocchi della campana, Sir Paul sbagliò a partire e cominciò a cantare in ritardo.

Ha spiegato: "Avevamo preregistrato un playback nel caso fosse scoppiato l'inferno, ma io dissi: "La faremo dal vivo."
'Eravamo in tempo reale, tutti erano lì, il mondo era pronto ed ecco il rintocco di quella maledetta 
campana. Così' mi dimentico che devo aspettare, quindi parto con "Hey Jude. . . ", E qualcuno preme il playback. Così c'ero io sia sulla base musicale che dal vivo, cantavamo in due".
Ha poi aggiunto: "Il batterista non mi guardava perché stava per avere una crisi isterica e io pensavo, "Che cosa ho fatto?"
"Non ci si poteva fermare, eravamo alle Olimpiadi."

Sir Paul sei un mito.
Lo spettacolo deve andare avanti: Ma Paul McCartney, centro, ha continuato a cantare Hey Jude, che è spesso votato come uno dei migliori canzoni pop di tutti i tempi, dopo aver venduto più di otto milioni di copie

Non al momento giusto: Sir Paul McCartney ha detto di perdere la stecca a causa del pedaggio campana




Paul McCartney: stop alla carne per salvare il pianeta

Paul McCartney
Paul McCartney si porta nuovamente sotto i riflettori della cronaca ambientalista, richiedendo un maggiore sforzo ai governi per il salvataggio del Pianeta. Un progetto di crescita condivisa che passi per l’abbandono definitivo della carne, vera piaga per la sussistenza dell’uomo in futuro.


Non è certo un mistero l’impegno che l’ex Beatle da anni dimostra per dell’ambiente, comprovato non solo con una dieta rigidamente vegetariana e vegana, ma anche con numerosi progetti per la salvaguardia degli animali. L’occasione per la sua ennesima presa di posizione è la Conferenza sul Cambiamento Climatico di Doha, a cui il musicista ha indirizzato un’accorata lettera.

La missiva, spedita ai due esperti Christiana Figueres H.E. Abdullah bin Hamad Al-Attiyah, chiede un maggiore impegno alla Conference of the Parties (COP) per l’abbandono completo della carne. La COP non è altro che l’organismo governativo della Convention on Biological Diversity, l’ente che studia il cambiamento climatico e come le attività dell’uomo abbiano un’impatto sulla biodiversità. Queste le parole del cantante:


«Nonostante emergano sempre più prove a dimostrazione di come la crescita globale dell’industria della carne stia portano a conseguenze ambientali allarmanti, l’impatto dell’allevamento sul surriscaldamento globale non sembra essere stato preso in giusta considerazione dalla Conference of the Parties (COP). Pertanto richiedo di portare la questione all’attenzione di questa conferenza e vi incoraggio ad adottare policy e azioni individuali, come ad esempio un giorno a settimana privo di carne».

Le Nazioni Unite hanno già riconosciuto l’importanza del progressivo abbandono della dieta onnivora, tanto che nell’ultimo incontro di Rio si è sostenuto come l’intera popolazione mondiale dovrà necessariamente divenire vegetariana entro il 2050. Un processo che appare come inevitabile, perché gli allevamenti stanno mettendo a repentaglio la sussistenza dell’uomo e del Pianeta con la deforestazione e delle emissioni di CO2 non più sostenibili. Già solo un giorno alla settimana “meat free”, ovvero privo di carne così come consiglia McCartney, sarebbe un buon inizio per intraprendere questo percorso di rinascita umana e ambientale.

sabato 8 dicembre 2012

It was 45 Years Ago: "Magical Mistery Tour".




L'8 dicembre 1967 usciva con etichetta 
Parlophone Records  il doppio EP "Magical Mystery Tour".  Fu pubblicato in due diversi formati: come doppio EP (per il mercato europeo) e come LP (negli Stati Uniti).

L'album fu pubblicato nello stesso periodo in cui veniva trasmesso nel Regno Unito il film omonimo, di cui il lato A dell'album (e il primo EP nell'edizione europea) costituiscono la colonna sonora. Il film fu un insuccesso, al punto che la rete statunitense ABC, che programmava di trasmetterlo, annullò l'evento (il film sarebbe andato in onda per la prima volta negli USA solo nel 1976).

La colonna sonora fu pubblicata negli Stati Uniti come LP (nel novembre del 1967) e in Gran Bretagna come doppio EP (dicembre). Al contrario del film, l'album ebbe un grande successo. Fu nominato al Grammy Award come miglior album nel 1968, e salì nelle prime posizioni delle classifiche di vendita di gran parte del mondo (negli USA restò in prima posizione per 8 settimane consecutive). Fu però anche l'ultimo album realizzato prima dell'insorgere dei dissidi che di lì a qualche anno avrebbero portato allo scioglimento del gruppo.

L'album Magical Mystery Tour è diviso in due parti: la prima contiene la colonna sonora del film, mentre la seconda è una raccolta di singoli.
Prima parte

La prima parte dell'album include numerosi brani celebri, fra cui la title track e il brano immediatamente successivo, The Fool on the Hill di McCartney. Flying è uno dei rarissimi pezzi strumentali della discografia dei Beatles, oltre a essere l'unico firmato da tutti e quattro i membri del gruppo. Blue Jay Way è un brano melanconico, quasi ossessivo, di Harrison, che fa da contrasto con la melodia spensierata del successivo Your Mother Should Know (McCartney). Probabilmente il pezzo più famoso e apprezzato di questo gruppo di brani è I Am the Walrus di John Lennon, uno dei pezzi più d'avanguardia dei Beatles: vicino alle atmosfere del futuro acid rock, fu registrato con una piccola orchestra e la voce distorta e doppiata di Lennon. Il testo è un susseguirsi di immagini psichedeliche e passaggi nonsense alla Lewis Carroll.
Seconda parte

Le canzoni sul lato B erano singoli del periodo non presenti su album. Per rispettare i tempi della pubblicazione dell'opera, la Capitol Records utilizzò un simulatore di impianto stereo su nastri monofonici nelle ultime tre canzoni, invece di aspettare i nastri stereo. Questa scelta insolita rappresentò un elemento di innovazione e sperimentazione nell'industria discografica.

Fra i brani più celebri di questo gruppo di brani ce ne sono due notoriamente autobiografici, Strawberry Fields Forever di Lennon e Penny Lane di McCartney. I due brani furono pubblicati in un unico singolo, composto da "due lati A"

Le altre canzoni del lato due comprendono Hello Goodbye (utilizzata anche per i titoli di coda del film), Baby You're a Rich Man (in seguito riutilizzata nel film d'animazione Yellow Submarine) e All You Need Is Love, probabilmente uno dei brani più famosi della discografia dei Beatles. Quest'ultimo brano, trasmesso in diretta mondiale il 25 giugno 1967, può essere letto come l'inizio dell'impegno pacifista di John Lennon, e divenne poi uno degli inni della Summer of Love del 1967 e della filosofia hippy.


Tracce (LP, CD)

Lato A
Magical Mystery Tour (Lennon-McCartney)
The Fool on the Hill (Lennon-McCartney)
Flying (Lennon-McCartney-Harrison-Starkey)
Blue Jay Way (Harrison)
Your Mother Should Know (Lennon-McCartney)
I Am the Walrus (Lennon-McCartney)

Lato B
Hello Goodbye (Lennon-McCartney)
Strawberry Fields Forever (Lennon-McCartney)
Penny Lane (Lennon-McCartney)
Baby You're a Rich Man (Lennon-McCartney)
All You Need Is Love (Lennon-McCartney)
Tracce (doppio EP)
Disco 1 Lato A
Magical Mystery Tour (Lennon-McCartney)
Your Mother Should Know (Lennon-McCartney)Lato B
I Am the Walrus (Lennon-McCartney)
Disco 2 Lato A
The Fool on the Hill (Lennon-McCartney)
Flying (Lennon-McCartney-Harrison-Starkey)Lato B
Blue Jay Way (Harrison)

I'll never forget you John..


giovedì 6 dicembre 2012

Tre nomination ai Grammy Awards per Sir Paul!


The cover of Paul McCartney's "Kisses on the Bottom" album.

Paul McCartney si è appena aggiudicato ben tre nomination ai Grammy Awards.

Il suo album "Kisses on the bottom" è stato nominato nella categoria "Best Traditional Pop Album". 

La ristampa Deluxe Edition di "Ram" è stata nominata invece ben due volte per "Best Historical Album" e "Best Boxed Special Limited Edition Package".
Anche i Beatles si sono aggiudicati una nomination. “The Beatles With Tony Sheridan: First Recordings: 50th Anniversary Edition” è stato nominato nella categoria "Best Album Notes", le cui note di copertina sono state scritte da Hans Olof Gottfridsson, autore di  “Beatles from Cavern to Star Club.”
Congratulations Sir Paul!

mercoledì 5 dicembre 2012

Paul McCartney di nuovo al Saturday Night Live




Paul parteciperà alla puntata finale di stagione di "Saturday Night Live". Lo show andrà in onda sabato 15 dicembre sul canale NBC con Martin Short come conduttore.

Paul è già apparso al SNL nel 2010 con Paul Rudd
Per celebrare la partecipazione di Paul alla celebre trasmissione la prossima settimana il suo sito PaulMcCartney.com pubblicherà  una nuova collezione di foto in esclusiva del SNL del 2010. 
Stay tuned!

sabato 1 dicembre 2012

"Band On The Run" inserito nel Grammy Hall Of Fame



"Band On The Run", il celeberrimo album di Paul McCartney e Wings del 1973 sarà inserito nel Grammy Hall Of Fame durante la cerimonia che si terrà il 10 febbraio prossimo. 
Il Grammy Hall of Fame Award è un premio Grammy istituito nel 1973 per onorare le registrazioni pubblicate da almeno 25 anni e che hanno "un significato storico o qualitativo"
Le registrazioni sono riviste annualmente da un comitato composto da artisti professionisti, con l'approvazione definitiva da parte del Recording Academy of Trustees. 
L'elenco delle registrazioni ammonta attualmente a ben 933, comprese le nuove 27 registrazioni che saranno aggiunte alla cerimonia del prossimo anno e tutte sono in mostra al GRAMMY Museum di Los Angeles. 
E' possibile visitare l'elenco completo delle registrazioni sul sito GRAMMY.

venerdì 30 novembre 2012

Natale anticipato al secondo concerto di McCartney ad Edmonton .



Per l'ultimo dei suoi due spettacoli al Rexall Place di Edmonton Paul McCartney ha portato per la prima volta quest'anno un tocco di Natale. Nella sua abituale set list ha aggiunto la ormai tradizionale "Wonderful Christmastime" aggiunta al primo bis tra "Lady Madonna" e "Day Tripper".

Il concerto si è aperto con "Hello Goodbye" al posto di "Magical Mystery Tour". Ha anche sostituito "Got To Get You Into My Life" con 
"Drive My Car" e fatto “Things We Said Today” al posto di “I've Just Seen a Face” proposta la notte scorsa.

Questo è stato l'ultimo concerto dell'On the run tour per l'anno 2012. Chissà cosa ci riserverà Paul nel futuro. Per ora sappiamo che sarà uno dei protagonisti del concerto di beneficenza in programma il 
12 dicembre al Madison Square Garden in aiuto alle popolazioni colpite dall'uragano Sandy.
Ma la nostra speranza è quella di rivederlo in Europa...magari in Italia.


Set list :

1. “Hello Goodbye”
2. “Junior's Farm”
3. “All My Loving”
4. “Jet”
5. “Drive My Car”
6. “Sing The Changes”
7. “The Night Before”
8. “Let Me Roll It”
9. “Paperback Writer”
10. “The Long & Winding Road”
11. “Nineteen Hundred and Eighty Five”
12. “My Valentine”
13. “Maybe I'm Amazed”
14. “Things We Said Today”
15. “And I Love Her”
16. “Blackbird”
17. “Here Today”
18. “Dance Tonight”
19. “Mrs. Vandebilt”
20. “Eleanor Rigby”
21. “Something”
22. “Band on the Run”
23. “Ob-La-Di Ob-La-Da”
24. “Back in the USSR”
25. “I've Got A Feeling”
26. “A Day In The Life”/“Give Peace a Chance”
27. “Let It Be”
28. “Live & Let Die”
29. “Hey Jude”
30. Encore 1: “Lady Madonna”
31. “Wonderful Christmastime”
32. “Day Tripper”
33. “Get Back”
34. Encore 2: “Yesterday”
35. “Mull of Kintyre”
36. “Golden Slumbers”/“Carry That Weight”/“The End”

Venduta per 307.000 sterline l’Aston Martin di Paul McCartney

All’asta per 378.000 euro l’Aston Martin di Paul McCartney

Battuta all'asta per 307.000 sterline, pari a circa 378.000 euro, l'Aston Martin DB5 del 1964 appartenuta a Paul McCartney. La vettura potrebbe essere, tra l'altro, la protagonista dell'oscura leggenda secondo cui il McCartney sarebbe deceduto in un incidente al volante della sua Aston Martin, e poi sostituito in segreto da un sosia che ne ha preso il posto. Tornando alla realta' attuale, la vendita della bellissima DB5, a quanto riferisce Cars UK, e' avvenuta in occasione dell'asta RM Battersea Evolution di Londra. La vettura ha realizzato un prezzo leggermente superiore al minimo della stima, valutata tra 300.000 e 380.000 sterline. Con l'idea di farla diventare la sua prima Aston, Paul McCartney l'aveva ordinata nuova prima di partire per il tour del 1964. L'ha poi tenuta per sei anni percorrendo quasi 65.000 km. Le personalizzazioni volute da McCartney all'interno della DB5 coupe' da 280 Cv, di colore Sierra Blu, includono una radio Motorola, un giradischi Philips Auto-Mignon con cui possono essere ascoltati i 45 giri quando l'auto e' in movimento, e un rivestimento interno in pelle nera con cuciture ricamate a forma di note musicali, di cui resta un solo campione.

Si apre cosi' una sfida tra le auto dei Beatles, Infatti quando l'anno scorso la Aston Martin DB5 del 1964 color platino di George Harrison e' stata battuta all'asta di Coys, a Londra, si e' aggiudicata il prezzo di 310.000 sterline che significa circa 385.000 euro. Mentre la DB5 di McCartney ha realizzato il minimo della sua stima, l'auto di Harrison ha superato le aspettative di oltre 150.000 sterline, pari a circa 185.000 euro. Finora, John Lennon e' ancora in lizza nella sfida tra Beatles. Infatti la sua Ferrari 330 GT 2 +2 era sul punto di andare all'asta, ma e' stata ritirata prima della vendita per i ''rimorsi del venditore''. Anche se alte, le cifre della sfida tra Beatles impallidiscono davanti all'originale ''vera'' e unica Aston Martin DB5 di James Bond, protagonista dei film Goldfinger e Thunderball, andata all'asta per 4,6 milioni di dollari, pari a 5,7 milioni di euro.

giovedì 29 novembre 2012

Paul McCartney Rexall Place Edmonton.











Per il primo dei due concerti ieri sera al Rexall Place di Edmonton, Canada, Paul McCartney ha apportato alcune modifiche alla set list rispetto a quella di Vancouver di domenica scorsa .

Ha aggiunto "Got to Get You Into My Life" dall'album "Revolver" al posto di "Drive My Car" di Vancouver. "Helter Skelter" è stata completamente abbandonata ed ha riproposto "Mull of Kintyre" che aveva già fatto a Vancouver ma che raramente ha eseguito negli Stati Uniti.

Per il resto come sempre "Yesterday", "Live and Let Die", il suo tributo a George Harrison con "Something", il suo tributo a John Lennon con "A Day in the Life" / Give Peace a Chance "e" Blackbird ".

Nota da ricordare..una gentile donzella ha avuto il piacere di farsi fare l'autografo da Paul...In quale parte del corpo lo vedrete nel video qui sotto..

Set list:
“Magical Mystery Tour”
“Junior's Farm”
“All My Loving”
“Jet”
“Got to Get You Into My Life”
“Sing The Changes”
“The Night Before”
“Let Me Roll It”
“Paperback Writer”
“The Long & Winding Road”
“Nineteen Hundred and Eighty Five”
“My Valentine”
“Maybe I'm Amazed”
“I've Just Seen A Face”
“And I Love Her”
“Blackbird”
“Here Today”
“Dance Tonight”
“Mrs. Vandebilt”
“Eleanor Rigby”
“Something”
“Band on the Run”
“Ob-La-Di Ob-La-Da”
“Back in the USSR”
“I Got A Feeling”
“A Day In The Life”/“Give Peace a Chance”
“Let It Be”
“Live & Let Die”
“Hey Jude”
Encore 1: “Lady Madonna”
“Day Tripper”
“Get Back”
Encore 2: “Yesterday”
“Mull of Kintyre”
“Golden Slumbers”/“Carry That Weight”/“The End”


lunedì 26 novembre 2012

All’asta l’audizione (stroncata) dei Beatles



Può un produttore discografico, nella Londra dei primi anni ‘60, ascoltare Paul McCartney, John Lennon, George Harrison e Pete Best (cui sarebbe subentrato, alla batteria, Ringo Starr) e tuonare contrariato che «i gruppi con le chitarre sono al tramonto», chiudendo ai quattro di Liverpool la porta sul muso e lasciando che a ripescarli, a capirli, infine ingaggiali, fossero i dirigenti di un’altra etichetta, la Emi?
Risposta esatta: può.
E hai voglia, poi, a tentare di correggere il tiro – lo stesso produttore, Dick Rowe, provinò anche i Rolling Stones e la spuntò mettendoli a contratto, proprio loro, gli scomodi dirimpettai del gruppo britpop nascente col nome di “Silver Beatles” – quando la Fabs-frittata è fatta: quel tuo errore di valutazione ti costerà nottetempo la nomea di chi ha compiuto lo sbaglio più grosso, più grossolano, della storia della musica contemporanea.

Viceversa, i brani suonati quel giorno, nel capodanno del 1962, sotto la direzione artistica del manager Brian Epstein, dalle mani di coloro che il mondo avrebbe conosciuto come il gruppo di maggior successo, avranno in sorte un ritorno in auge – a 50 anni dall’incisione - come lotto quotatissimo: il nastro dell’audizione dei Beatles, difatti, sarà rispolverato martedì 27 novembre alThe Fame Bureau di Londra (una casa d’aste specializzata in pezzi pop-memorabilia), per essere battuto con un prezzo di partenza pari a 33.000 euro e una garanzia di non riproducibilità del prodotto (che per questioni di diritto d’autore non potrà più essere dato alle stampe).

Al suo interno, oltre a dieci delle quindici canzoni suonate dai Beatles nel giorno dello “sbarramento”, ci sono una tracklist scritta a mano e un bianconero dei quattro. E la cifra che si spera di tagliare (assieme alla vendita di una chitarra suonata da Jimi Hendrix in un live californiano del 1967) spazia fra i 192.500 e i 288.700 dollari.
Cantavano Lennon e McCartney in She’s Leaving Home: “Fun is the only thing money can’t buy”.

Paul McCartney BC Place Stadium di Vancouver.






Setlist:

Magical Mystery Tour Junior's Farm
All My Loving
Jet
Drive My Car
Sing the Changes
The Night Before
Let Me Roll It ("Foxy Lady" snippet)
Paperback Writer
The Long and Winding Road Nineteen Hundred and Eighty-Five
My Valentine
Maybe I'm Amazed
I've Just Seen A Face
And I Love Her
Blackbird
Here Today
Dance Tonight
Mrs. Vandebilt
Eleanor Rigby
Something
Band on the Run
Ob-La-Di, Ob-La-Da
Back in the U.S.S.R.
I've Got a Feeling
A Day in the Life
("Give Peace a Chance" snippet)
Let It Be Live and Let Die
Hey Jude

Encore:

Lady Madonna Day Tripper 
Get Back 

Encore 2:
Yesterday

Mull of Kintyre
(with the Delta Police Pipe & Drums Marching Band)
Helter Skelter
Golden Slumbers 
Carry That Weight 
The End 
Foto da  www.vancouversun.com