lunedì 18 giugno 2012

Geoff Baker: "Macca non si ritirerà mai."





In un'intervista, l'ex portavoce di Paul McCartney, Geoff Baker, ha spiegato perchè Sir Paul non andrà mai in pensione.

"Quando Paul aveva circa 15 anni
 prendeva l'autobus insieme a John Lennon per andare dall'altro lato di Liverpool a casa di un chitarrista che sapeva suonare l'accordo B7, essenziale per suonare il rock 'n' roll.

Avevano messo da parte i loro pochi soldi per poter andare da questo guru della chitarra e guardarlo affascinati come formava gli accordi che avrebbero aggiunto al loro repertorio di E, A e D.

Più di 30 anni dopo, quando Paul raccontò questa storia aggiunse: "Abbiamo pensato che il ragazzo era veramente vecchio per essere un musicista, probabilmente aveva circa 26, ma abbiamo pensato che era veramente vecchio per poter ancora suonare."

Curioso pensare a questo proprio oggi che Paul compie 70 e suona ancora...anzi..non si fermerà mai.

Per 15 anni ho avuto il privilegio di lavorare per lui come suo portavoce, sono stato testimone in prima persona di quanta
 grinta ed energia straordinaria avesse.

Ora sta per suonare nel più grande show della sua vita, davanti ad un pubblico televisivo di più di un miliardo di persone, chiudendo la cerimonia di apertura alle Olimpiadi di Londra 2012.

Sarà senza dubbio il momento più grande per la Gran Bretagna contemporanea e, francamente, non c'è nessuno che sia più adatto per simboleggiare questo paese davanti all'intero pianeta.

Paul è abituato a suonare davanti a folle enormi. Ma il concerto 
di Paul alle Olimpiadi è molto più di un altro grande concerto. In quei tre o quattro brani, agli occhi del mondo intero lui sarà la Gran Bretagna.

Non David Cameron, non Sua Maestà la Regina, sarà Macca a rappresentare il meglio del Paese . A 70 anni.

Dopo sette decenni, Paul sta ancora facendo quello che ha fatto per tutta la sua vita, infrangere le regole.

L'ha sempre fatto. Come quando scrisse la bellissima ballata dei Beatles "For No One", incidendo
con il produttore George Martin l'assolo di corno francese .

Paul accennò la melodia che avrebbe dovuto eseguire il corno francese e George fece notare a Paul che la nota non esisteva nemmeno.

"Il suonatore di corno non sarà in grado di suonarla Paul," disse George, "che nota è che va oltre l'estensione dello strumento."

"Proviamoci", disse Paul, "vediamo cosa succede".

Il risultato, come sappiamo, fu qualcosa di bello, l'istinto Macca ebbe ragione.

Qualcuno potrebbe pensare che dopo le Olimpiadi finalmente riporrà il suo basso Hofner, fermerà la musica che arriva dentro la sua testa come fece Beethoven, e ritirarsi con Nancy a fare quelle cose che erroneamente predisse per se stesso, quando da giovane scrisse "When i'm 64".

Una volta disse che sarebbe probabilmente morto sul palco, 'su una sedia a rotelle suonando  "Yesterday" '.

Credevo scherzasse, ma scommetto un biglietto da cinque che sarà impossibile per lui fermare tutte le canzoni che gli entrano in testa.

Fece persino andare fuori di testa Dustin Hoffman. Una volta stava pranzando ai Caraibi con l'attore quando lui gli lanciò la sfida.

"Dammi un soggetto", disse Macca. "Picasso", rispose Hoffman.

Paul strinse le labbra pensieroso per un pò e poi cominciò a cantare, "Drink to me, drink to my health.. 
 you know I can’t drink any more ".

La canzone divenne un successo degli Wings, "Picasso's last words" e Dustin stupito correva per tutto il ristorante gridando: "Lo sta facendo! Lo sta facendo davvero! "

Ma cosa spinge quest'uomo straordinario ad andare avanti nella sua carriera?

Quello che ho potuto vedere da vicino, giorno per giorno, era la sua grande passione applicata ad una grande etica nel lavoro.

Chiaramente, i suoi oltre 40 anni di vegetarianismo sono la prova che, a 70, se si vuole affrontare due ore e mezza di concerto non stop, con 36 brani, devi mangiare in modo giusto.

I bambini lo amano e questo è un segno eloquente che è un uomo buono.

Mi ricordo che una volta eravamo a Parigi, Paul arrivò in un negozio di dischi FNAC per una  conferenza stampa.

I poliziotti non potevano far fronte alla folla in preda alla Maccamania.

Proprio in fondo alla folla impazzita c'era una giovane madre con un bambino gravemente disabile.

"Aspetta un secondo," disse Macca, vedendo tutto come al solito. Indicò la madre e chiese al suo team di farla uscire dalla folla insieme alla sua bambina.

"Ciao," disse Paul, "Come ti chiami? Puoi sederti sulle mie ginocchia per il resto di questa conferenza stampa. Ok ragazzi, qual'è la prossima domanda? "

Questo è la prova di quanto sia grande quest'uomo, un grande cuore.

Ed è anche per questo che, all'età di 70 anni, è stato scelto per rappresentare al meglio la Gran Bretagna nella più grande manifestazione nella storia della nostra nazione, per far sapere in tutto il mondo che la Gran Bretagna non poteva far crescere qualcuno meglio di così."

Buon compleanno, amico - te lo meriti, siamo orgogliosi di te."

Per leggere tutta l'intervista clicca qui.
Da 
www.mirror.co.uk/news/uk-news/sir-paul-mccartney-at-70-beatles-893809 


Nessun commento:

Posta un commento