martedì 31 luglio 2012

Un nuovo libro sui Beatles..solo per bambini.

"Once Upon a Liverpool"

Images from Maria Saunderson's book "Once Upon a Liverpool."

Images from Maria Saunderson's book "Once Upon a Liverpool."

Maria Saunderson è l'autrice di un nuovo libro sui Beatles, solo per bambini, dal titolo "Once Upon a Liverpool," appena uscito in Gran Bretagna. Il libro, che è disponibile su Amazon.co.uk, usa le sue incantevoli illustrazioni per raccontare ai lettori più piccini la storia di John, Paul,  George e Ringo.

"Spero che 'Once Upon A Liverpool 'scalderà i vostri cuori e darà ai lettori una forma d'affetto del tutto nuova verso questi quattro ragazzi che..per citare una frase dal libro, 'che sognavano che un giorno avrebbero scritto e suonato la propria musica alla gente di tutto il mondo. Hanno lavorato sodo e fatto in modo che il loro sogno si avverasse', "ci ha detto.

 "Once Upon A Liverpool" è stato scritto per introdurre e spiegare alla nuova generazione dei più giovani chi erano i Beatles e per raccontare la loro ascesa verso la fama e la loro rottura in un modo facile da leggere e in un formato comprensibile. Ce n'è per tutte le età. I bambini molto piccoli possono cercare Rigby il piccolo sottomarino volante e godere dei colori vivaci. I bambini più grandi impareranno e capiranno chi erano i Beatles e gli adulti possono divertirsi a vedere i momenti più importanti della storia dei Fab Four reinterpretati in un modo unico.' 


Paul stecca a stadio. Gb implora, let it be.

Paul McCartney alla cerimnonia di apertura


Giusto per dovere di cronaca, vi posto quanto riporta l'ANSA, pur non essendo assolutamente d'accordo. 


di Alessandra Baldini

LONDRA - Paul McCartney stecca allo stadio e per i suoi fan è davvero ora di 'Let it Be'. L'ex Beatle che per decenni ha incarnato agli occhi di tutto il mondo la musica della Gran Bretagna ha chiuso venerdì sera con 'Hey Jude' la cerimonia inaugurale delle Olimpiadi lasciando milioni di ammiratori con l'amaro in bocca. "E' stato come vedere un vecchio pugile che tenta l'ultimo titolo prima di essere steso al tappeto", ha commentato un fan citato dal Daily Mail dopo che le ripercussioni della catastrofica performace si sono assestate in un generalizzato pollice verso per il settantenne Paul. Era tardi, è vero, passata di parecchio la mezzanotte, quando alla fine della canzone composta per il figlio di John Lennon, Julian, il 'Macca' nazionale si è alzato dalla tastiera per invitare i 60 mila dell'Olympic Stadium a unire la loro voce alla sua nel nah-nah-nah-nah di coda. Un vero e proprio sing along, con gli uomini da una parte e le donne dall'altra che per molti ammiratori è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. La rete è esplosa di commenti negativi.

"Un tentativo ingenuamente infantile di coinvolgere la folla", ha sparato a zero un fan di Liverpool, mentre un altro ha stroncato il coretto da stadio ("da far rizzare i capelli") e un altro ancora, lapidario ha sentenziato: "Time to let it be". Il Mail ha raccolto le mille critiche e le ha fatte proprie. Rendendo omaggio a Paul come "favorito della Regina, potente mecenate delle arti, compositore dotato e uomo spinto dalla voglia di scalare ogni giorni cimne più alte", il popolare tabloid ha giudicato che stavolta per 'Macca' la cerimonia olimpica è stata probabilmente "una vetta troppo alta". Per la seconda volta in due mesi - la prima con 'Let it Be' al concerto per il Giubileo della Regina Elisabetta davanti a Buckingham Palace - McCartney ha dimostrato che i suoi giorni migliori sono alle spalle: "La voce in particolare, suona sempre più cigolante e fa fatica a tenere la nota", ha commentato il giornale facendo osservare che, nonostante sul sito del cantante siano stati affissi giudizi entusiasti su venerdì notte, il video di quella performance "é stranamente assente".


E voi che cosa ne pensate? 


Da www.ansa.it

lunedì 30 luglio 2012

Cerimonia Olimpiadi 2012: Sir Paul McCartney è stato pagato una sterlina!


Paul McCartney e gli altri artisti che si sono esibiti venerdì sera durante la cerimonia inaugurale delle Olimpiadi di Londra hanno percepito un compenso simbolico di una sterlina (1,30 euro). Lo hanno annunciatogli organizzatori. «I principali talenti si sono, di fatto, esibiti gratis», ha dichiarato una portavoce del Comitato organizzatore (Locog). «Ma, perchè vi sia un contratto, bisogna far figurare una cifra, così è stata fissata una sterlina», ha aggiunto. «Apprezziamo molto il fatto che essi abbiano offerto il loro tempo», ha sottolineato la portavoce. Oltre a McCartney - che ha concluso la cerimonia con un grande successo dei Beatles, Hey Jude, accompagnandosi al piano, con migliaia di spettatori che si univano in coro - si sono esibiti tra gli altri Mike Oldfield, Dizzee Rascal, gli Underworld e Emeli Sande.

In un'intervista al London Evening Standard, la Sande, 25 anni, ha scherzosamente osservato di non aver ancora ricevuto il compenso indicato nel contratto. Quanto al 70enne ex bassista dei Beatles, il fatto di non aver ancora incassato la sterlina pattuita non dovrebbe creargli problemi: è infatti il musicista più ricco di Gran Bretagna. con una fortuna stimata in 665 milioni di sterline (circa 850 milioni di euro), secondo la lista compilata dal Sunday Times.
  
www.ilmessaggero.it

Foto del giorno.

Da www.facebook.com/photo.php?fbid=10151166564673313&set=a.488766413312.281294.182736663312&type=1&theater

domenica 29 luglio 2012

Foto del giorno..

Foto di Stella McCartney .

E' morto il doppiatore di Paul McCartney in "Yellow Submarine"

Geoffrey Hughes



The animated Beatles in "Yellow Submarine."


Geoffrey Hughes, la voce di Paul McCartney nel film " Yellow Submarine ", è morto venerdì all'età di 68 anni, dopo una lunga battaglia contro il cancro alla prostata.
Il ruolo di Hughes nel film dei Beatles del 1968 è stata solo uno dei tanti della sua lunga carriera. Era anche noto al pubblico inglese per aver interpretato per 51 episodi Eddie Yeats nella serie TV  "Coronation Street", dal 1974 al 1983.
Hughes 
 parlò del film sia nel libro di Robert R. Hieronimus "Inside the Yellow Submarine", che in un articolo di Hieronymus  su Mersey beat on-line:
"Mentre Ringo e George avevano degli accenti di Liverpool piuttosto marcati, John e Paul invece avevano un accento più "morbido", quello che noi chiamiamo Posh Scouse. Spiegai loro che avevano la tendenza ad avere un' inflessione maggiore alla fine delle frasi e che avrebbero dovuto mettere l'accento alla fine delle parole, come ad esempio 'interesting', avrebbero dovuto mettere l'accento su 'resting' ".

Un portavoce di "Coronation Street" ha rilasciato una dichiarazione: "Siamo molto tristi per la  notizia della morte di Geoffrey Hughes. Ha interpretato il leggendario e iconico 
personaggio di Eddie Yeats che sarà sempre parte di 'Coronation Street'.Tutti i collaboratori del programma inviano le loro più sentite condoglianze alla famiglia. "


sabato 28 luglio 2012

Paul McCartney assiste alle partite di beachvolley.

Dopo il successo alla cerimonia di apertura dei Giochi olimpici di Londra, dove ci  ha regalato 'Hey Jude', Paul McCartney, accompagnato dalla moglie Nancy, ha fatto oggi una comparsata all'Horse Guards Parade, a pochi passi da Downing Street e dalla residenza del Primo Ministro  David Cameron, per le prime partite di beachvolley. L'artista ha lasciato il parco poco prima del match maschile tra Gran Bretagna e Canada.

Cerimonia d'apertura Olimpiadi 2012: e alla fine.. arriva Paul..










..i particolari della giacca indossata da Sir Paul ..














"Oggi il movimento olimpico ha visto la creazione dei primi Giochi 'Rock' della storia e Londra 2012 sarà ricordata per sempre come teatro della loro nascita. "

Un' affermazione quella di Danny Boyle, il regista e premio Oscar di "Slum Dog Millionaire",
che non diceva molto sulla cerimonia di apertura, ma che lasciava trasparire qualcosa sulla sua personale visione dello spettacolo.

La musica è stata il cuore pulsante della serata, una cornice sonora senza dubbio degna di questa "Isle of Wonders". E d'altronde, come si poteva raccontare la storia della Gran Bretagna se non attraverso la sua musica.

Dalla musica folk/rock di Mike Oldfield, alla 
spavalderia androgina di David Bowie (la sua hit "Heroes" ha introdotto il Team inglese allo stadio), al funk degli Happy Mondays, al techno/ punk dei Prodigy, al rock degli Stones con la loro "Satisfaction", al suond "ribelle" dei Sex Pistols,  fino al rap di Dizzee Rascal. 
E' stato uno spettacolo nello spettacolo: commovente, (in molto punti della serata mi sono venute le lacrime agli occhi), ironico e con sense of humor britannico (con l'apparizione di Mr.Bean, come sempre esilarante e irriverente, e lo 007 Daniel Craig, a Buckingham Palace per scortare la sua "Bond Girl", niente popòdimenoche la Regina Elisabetta in persona). 
se tutto ciò non fosse abbastanza, ci voleva un colpo finale per riuscire a battere comodamente in spettacolarità la cerimonia di Pechino. Come fare? Bè facile...con un Beatle alla fine della cerimonia..
Non si poteva terminare la serata se non con la voce di uno dei Beatles, coloro che hanno direttamente influenzato molti degli artisti della serata. Proprio per rendere omaggio alla band che più di ogni altra ha cambiato la storia del Paese, oltre ai sottomarini gialli volanti, ai ballerini vestiti da Sgt. Pepper's e la breve clip di "She loves you", gli Arctic Monkeys hanno cantato "Come Together", tratta da "Abbey Road", durante la loro esibizione.

I Beatles potrebbero essere definiti ormai come una band di un altro secolo, ma i 28 milioni di persone che li seguono dalla loro pagina ufficiale su Facebook suggerisce solo che sono  attualissimi e che sono amati in tutto il mondo più che mai. 

Pechino potrà aver avuto l'ex campione di ginnastica Li Ning, l'ultimo tedoforo di quella edizione, issato in cielo prima di accendere il braciere o i fuochi d'artificio probabilmente più grandiosi di tutti i tempi, ma Londra ha avuto  McCartney con la sua "Hey Jude", riuscendo ad unire non solo tutti i presenti nello Stadio, ma anche i telespettatori di tutto il mondo, tramite quel  linguaggio senza barriere che fa cantare tutti in un unico grande coro...quel "Nah, na, na , nananna nah, nah nananna ... ", che tutti noi amiamo. 

E poco importa se qualcuno dirà che aveva poca voce, se aveva i capelli tinti (e forse un pochetto lunghi..). Lui è Paul e non ha bisogno di dimostrare a nessuno di essere grande.

Dopo la performance di ieri Paul ha voluto scrivere ai fan su twitter:
"Grazie per il grande responso ragazzi! Stasera è stato fantastico, grande, davvero "cool". È stato un viaggio molto emozionante. E' stata una grande cerimonia di apertura!"
 Ha poi aggiunto, "non mi rendevo conto che sua Maestà fosse una così abile paracadutista!"



Come sempre...the best!


venerdì 27 luglio 2012

Sir Paul ultimo tedoforo.


Voci sempre più insistenti ci dicono che Paul oltre che a cantare sarà anche l'ultimo tedoforo. Se così fosse se lo meriterebbe senz'altro..
Non ci resta che attendere...manca poco..

Al via le Olimpiadi di Londra 2012.

E' tutto pronto per la Cerimonia d'apertura delle Olimpiadi 2012. La Cerimonia sarà trasmessa da Sky e RaiUno a partire dalle ore 22:00. Vi ricordo che Sir Paul chiuderà la Cerimonia, quindi non perdetevela!

Eccovi la scaletta della cerimonia: 

• Green and Pleasant" opening scene
• Parades of Competing Nations - beginning with Greece!
• President of the I.O.C. to greet Queen Elizabeth II
• Olympic Anthem and Flag Hoisting
• Oaths
• Entrance of the Olympic Flame (The Torch and Cauldron)
• Sir Paul McCartney Closes the Ceremony With a Performance

Set list delle canzoni e delle musiche della cerimonia

PART ONE

Captain Algernon Drummond, William Johnson Cory - Eton Boating Song
Elgar, AC Benson - Land of Hope and Glory
The Jam - Going Underground
Muse - Map of the Problematique
Big Ben Chimes
Sex Pistols - God Save the Queen
The Clash - London Calling
Simon May - EastEnders Theme
The Shipping Forecast
Sir Hubert Parry, William Blake - Jerusalem
Elgar - Nimrod
Handel - Arrival of the Queen of Sheba
Eric Coates - Dambusters March
Handel - Music for the Royal Fireworks
Monty Norman - James Bond Theme
Mike Oldfield - Tubular Bells
Mike Oldfield - In Dulci Jubilo
Vangelis - Chariots of Fire
BBC News 1954
Arthur Wood - The Archers Theme
Winifred Atwell - Black and White Rag 

PART TWO 

Sugababes - Push the Button
OMD - Enola Gay
David Rose - The Stripper
Lionel Bart - Food Glorious Food
Irwin Kostal, Richard Sherman, Robert Sherman - Bedknobs and Broomsticks
Rizzle Kicks - When I Was a Youngster
Eric Clapton - Wonderful Tonight
Colin Tully - Gregorys Girl Theme
William Pitt - City Lights
The Who - My Generation
The Rolling Stones - Satisfaction
Millie Small - My Boy Lollipop
The Kinks - All Day and All of the Night
The Beatles - She Loves You
Mud - Tiger Feet
Led Zeppelin - Trampled Under Foot
The Specials - A Message to You Rudy
David Bowie - Starman
Queen - Bohemian Rhapsody
Sex Pistols - Pretty Vacant
Duran Duran - The Reflex
New Order - Blue Monday 

PART THREE 

Frankie Goes to Hollywood - Relax
Soul II Soul - Back To Life
Happy Mondays - Step On
Eurythmics - Sweet Dreams (Are Made of This)
The Verve - Bittersweet Symphony
Prodigy - Firestarter
Underworld - Born Slippy
Jaan Kenbrovin, John William Kellette - Im Forever Blowing Bubbles
Blur - Song 2
Dizzee Rascal - Bonkers
Tigerstyle - Nacnha Onda Nei (contains Michael Jackson - Billie Jean, Queen & David Bowie - Under Pressure and Ilaiyaraaja - Naanthaan Ungappanda)
Arctic Monkeys - I Bet You Look Good on the Dancefloor
Mark Ronson & Amy Winehouse - Valerie
Radiohead - Creep
Muse - Uprising
Kano & Mikey J - Random Antics
Tinie Tempah - Pass Out
MIA - Paper Planes
Coldplay - Viva La Vida
The Chemical Brothers - Galvanize 

PART FOUR 

Franz Ferdinand - Take Me Out
Kaiser Chiefs - I Predict a Riot
Roll Deep - Shake a Leg
Adele - Rolling in the Deep
Oasis - The Hindu Times
Oasis - Wonderwall
Emeli Sande - Heaven
William Monk/Henry Francis - Abide With Me
Pink Floyd - Eclipse
The Beatles - The End
The Beatles - Hey Jude
David Bowie - Heroes
Eric Spear - Coronation Street Theme
Ron Grainer - Doctor Who Theme
John Philip Sousa - Monty Python Theme/The Liberty Bell
David Bowie - Absolute Beginners

giovedì 26 luglio 2012

Paul supporta la nuova campagna "Everyone Matters" con la frase "Live and Let Live".



Everyone Matters ha lanciato una nuova campagna sulla tolleranza globale "Non giudicare", campagna che vede celebrità internazionali unite alle principali organizzazioni che rappresentano donne e uomini, bianchi e neri, gay ed etero, disabili, bambini, anziani, gruppi etnici, razziali e religiosi.

Il messaggio globale è semplice: "Aprite il vostro cuore alle differenze di ognuno di noi" e" Ogni individuo ha il diritto di NON essere giudicato in base a chi è o al suo aspetto."

Paul, insieme a Nicole Kidman, Ellen DeGeneres, Daniel Craig, Natalie Portman , all'Arcivescovo Desmond Tutu e Judi Dench, hanno lasciato una citazione come dichiarazione di  tolleranza e supporto alla campagna e Paul ha scelto "Live and let live" ( da non confondere naturalmente con "Live and let die").
Da http://everyonematters2012.com/

Intervista di Sir Paul alla rivista Shortlist.













Sir Paul è stato intervistato per la rivista inglese Shortlist, parlando di come ci si sente ad essere colui che... .chiuderà la Cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Londra venerdì sera.

Leggi l'intervista completa qui: http://www.shortlist.com/entertainment/music/paul-mccartneyPhoto: Dean Chalkley

Paul McCartney torna a Liverpool per le lauree del LIPA
























Paul McCartney era a Liverpool ieri per partecipare alla cerimonia di laurea presso la Liverpool Institute for Performing Arts (LIPA) , di cui è co-fondatore.

Circa 260 studenti provenienti da Regno Unito e da altri 15 paesi hanno partecipato alla cerimonia insieme al mito della musica per ricevere le loro lauree.

Mark Featherstone-Witty, 
co-fondatore e amministratore delegato del LIPA, ha dichiarato: "Quest'anno,  poco meno di 200 professionisti  hanno contribuito alla nostra formazione. Nessuna istituzione è meglio che i suoi insegnanti. Non c'è niente di meglio che imparare dai migliori. Come Sir Paul, che ha risposto alle domande degli studenti. Questi GENEROSI professionisti hanno condiviso le loro conoscenze, prendendo parte a tutte le discipline che insegniamo."

Il Lipa, che si trova nell'ex vecchia scuola di Paul, il Liverpool Institute for Boys, è stata fondata da Sir Paul e da Featherstone-Witty, con l'obiettivo di fornire il miglior insegnamento e apprendimento per chi vuole intraprendere una carriera nel campo delle arti e dello spettacolo.