giovedì 30 agosto 2012

Piano della Motown restaurato con l'aiuto di Paul McCartney.

 

Qualche mese fa vi avevo parlato del vecchio pianoforte a coda Steinway del 1877 
del quale Macca voleva finanziare il restauro. Ebbene, ora quel piano è come nuovo, grazie all'aiuto di Sir Paul.


Il piano, usato nel periodo d'oro da artisti Motown come Stevie Wonder, Marvin Gaye e altri grandi nella casa discografica "Hitsville USA", era ormai talmente danneggiato da essere  inservibile.

Un funzionario del Motown Museum ha detto che il piano in stile vittoriano in palissandro farà il suo debutto il 18 settembre in un evento di beneficenza presso la Steinway Hall di New York,  prima di tornare a casa a Detroit.

L'ex Beatle aveva visitato lo studio di registrazione del Museo della Motown 
di Detroit la scorsa estate mentre era in città per un concerto. Quando seppe che quel pianoforte ormai non poteva più suonare McCartney disse ai funzionari del museo che avrebbe contribuito lui stesso a restaurarlo. "Quando ero un ragazzino a Liverpool ascoltavo sempre canzoni come "You Really Got A Hold On Me" dei "Miracles" e "Money" di Barrett Strong, dicendo a me stesso wow questo è il Santo Graal! " disse McCartney ai suoi fan durante il concerto di Detroit. La Motown lo ispirò e lasciò il segno nella sua formazione di musicista. 
Il lavoro ora è terminato e proprio McCartney sarà il primo a suonare quel pianoforte all'evento di beneficenza chiamato "Progetto Armonia", insieme al fondatore della Motown Berry Gordy. 
I biglietti della serata saranno messi in vendita a 10.000 dollari ciascuno e il tutto andrà in beneficenza al Museo Motown.

"Siamo grati di aver ricevuto un così 
incredibile e generoso regalo grazie a Paul McCartney e alla Steinway & Sons", ha detto Terry. "Al ritorno del pianoforte al Museo Motown, il nostro obiettivo principale sarà quello di utilizzarlo al massimo delle sue potenzialità per la città di Detroit, dove l'eredità del pianoforte continuerà a vivere e continuerà ad ispirare gli amanti della musica Motown."

Nessun commento:

Posta un commento