domenica 28 ottobre 2012

Paul McCartney: "Non fu Yoko a provocare la separazione dei Beatles"

yoko ono john lennon paul mccartney

Son passati quasi 50 da quel maggio 1964 quando David Frost intervistò un Paul McCartney con la faccia da bimbo e gli chiese che cosa gli riservasse il futuro. "Mi piacerebbe ritirarmi presto e per il modo in cui stanno andando le cose potrei davvero farlo", disse McCartney.




Cinque decenni dopo e nessuno dei due si è ancora ritirato, entrambi hanno raggiunto i 70 anni, entrambi sono stati nominati cavalieri e ora si incontrano di nuovo per una delle più lunghe interviste che l'ex Beatle abbia mai dato.

Durante l'intervista di un'ora, che sarà trasmessa in lingua inglese dall' emittente Al-Jazeera il mese prossimo, McCartney ha detto che Yoko Ono non è stata la responsabile della separazione dei Beatles , di essere ancora 
un figlio della classe operaia  nonostante la sua fama e la sua fortuna  e che il suo matrimonio con Heather Mills è qualcosa di cui preferisce non parlare. Il suo secondo matrimonio non figura infatti nel colloquio; nell'intervista delle foto documentano il suo matrimonio con  Linda Eastman nel 1969 e il suo terzo matrimonio celebrato un anno fa con l'americana Nancy Shevell. E non è stato toccato nemmeno l'argomento dell'astioso e pubblico "divorzio Mills". Ma è sulla più famosa rottura della storia del rock che McCartney ha voluto essere insolitamente esplicito.

"Non è stata di certo lei a dividere il gruppo, il gruppo si stava già dividendo", ha detto McCartney riferendosi a Yoko Ono, dichiarazione che potrebbe dissipare decenni di ostilità diretti alla vedova di Lennon da parte dei tantissimi fan irriducibili dei Fab Four, sin da quando il gruppo si sciolse ufficialmente nel 1970.

Paul va oltre e dice che senza la Ono Lennon
 non si sarebbe aperto all'avanguardia e canzoni come "Imagine" non sarebbe mai state scritte: "Io non credo che l'avrebbe fatto senza Yoko, quindi non credo che si possa darle torto per qualsiasi cosa. Quando Yoko arrivò, parte del suo fascino dipendeva dal suo lato "avant garde", dalla sua visione delle cose, così lei gli mostrò un altro modo di essere e questo fu molto attraente per lui. Per lui era arrivato il tempo di andarsene e avrebbe sicuramente lasciato il gruppo in un modo o nell' altro. "

Ma McCartney non si è completamente ammorbidito con l'età. Ammette che la presenza di Yoko durante le registrazioni dei Beatles era molto difficile da accettare, ma il rancore maggiore lo riserva verso il defunto Allen Klein, l'uomo d'affari che cercò di colmare il vuoto lasciato dal manager Brian Epstein morto nel 1967. Facendo il gesto di dare un pugno alla foto dell'uomo, dice che fu Klein a portarlo in rotta di collisione con gli altri. «Mi ritrovai a litigare con quelli che erano i miei amici per la pelle, gli amici di tutta una vita. Ma io volevo combattere Klein».

Ha raccontato a Frost che fu la perdita delle loro madri in giovane età (la mamma di McCartney morì quando lui aveva 14 anni e quella di Lennon quando lui aveva 17 anni) che contribuì a formarli e a farli diventare musicisti di successo: " Quello con John è stato un legame forte".

Parla anche della perdita di Linda, la madre di quattro dei suoi cinque figli. Egli ammette che, nonostante avesse cercato di fare di tutto per respingere il cancro che l'avrebbe uccisa, sapeva fin dalla prima diagnosi che non sarebbe sopravvissuta. "I medici mi avevano detto in privato che l'avevamo scoperto troppo tardi, che le rimanevano circa 18 mesi. E fu proprio così"

In un tono più felice, il cantautore di maggior successo al mondo, dice che per lui i suoi cinque figli, Mary, Heather, Stella e James nati dal matrimonio con Linda e Beatrice avuta da Heather Mills e gli otto nipoti sono la cosa più importante della sua vita. "Essere padre e nonno è per me la cosa più bella."



La prima famosissima intervista di David Frost a Paul McCartney del maggio 1964.

2 commenti: