venerdì 6 agosto 2010

Intervista a Paul McCartney .


Paul McCartney sta pensando su ciò che Malcolm Gladwell ha detto di lui in "Outliers", un libro non fiction che cerca di definire gli ingredienti del successo.

"E 'divertente - stavo parlando con qualcuno di questo, perché ho letto il libro. Penso che ci siano molte verità in questo," ha detto McCartney in un'intervista a CBC's Q, prima del suo concerto in Canada questo fine settimana.

Gladwell ha citato i Beatles come prova della sua teoria delle 10.000 ore, sostenendo che uno dei principali fattori per ottenere successo in qualsiasi campo è praticare una quasiasi attività in 10.000 ore, proprio come i Beatles fecero nei loro 1.200 concerti ad Amburgo dal 1960 al 1962.

"Penso che nel nostro caso, l'abbiamo sempre detto, abbiamo fatto così tanta pratica che siamo diventati famosi, sapevamo veramente quello che facevamo e noi eravamo una band veramente unita," dice McCartney e ammette " questa non è una grande teoria. Voglio dire, c'erano un sacco di band che erano ad Amburgo e che suonarono per 10.000 ore, ma che non ce l'hanno fatta, quindi non è una teoria di ferro," dice. "Penso, tuttavia, che quando si guarda a un gruppo che ha avuto successo ... vi troverete sempre una band che ha fatto diverse e diverse ore di musica. Ma io non credo che sia una regola che se fai quella certa quantità di ore, avrai successo come i Beatles ".

Il paroliere canadese Gladwell non trova una logica ferrea dietro il successo - ci sono troppe variabili casuali, come la personalità e dove e quando un individuo è nato o semplicemente le opportunità che ha avuto.

In fatto di opportunità, ci sono state poche carriere come quella di McCartney - l'uomo chiamato dal "Guinness World Records" "il più famoso musicista e compositore di successo nella storia della musica popolare". Canta ancora 40 anni dopo lo scioglimento dei Beatles, suonando per tre ore consecutive ai suoi concerti senza sforzo evidente pur avendo 68 anni.. e ancora si diverte, dice Gladwell.



"Sono in una fase molto interessante, amo cantare. Non posso credere che faccio quasi tre ore di concerto senza prendere un attimo di respiro o qualsiasi cosa. Penserai che io possa essere stanco, ma è proprio il contrario ", dice McCartney.

E 'ben oltre le sue 10.000 ore - così tanto oltre che egli ammette di non riuscire a realizzare in quale fase della sua carriera egli sia eppure pensa ancora avanti nel tempo quando deve decidere un impegno. E che dire delle 500.000 persone erano stipate al concerto all'aperto a Kiev in Ucraina nel 2008 ed infine della grande esibizione nella East Room della Casa Bianca per il concerto "intimo" per Barack Obama e pochi altri a giugno....

Alla fine dell'intervista Sir Paul dichiara "Una cosa alla quale sto lavorando per l'anno prossimo e che non ho mai fatto prima è la fotografia, sono molto interessato e ho un progetto al momento che potrebbe finire come una mostra fotografica," aggiunge.

McCartney sarà al Air Canada Centre di Toronto l'8 e il 9 agosto e al Bell Centre a Montreal il 12 agosto.
Il seguito dell'intervista qui
Da www.cbc.ca

Nessun commento:

Posta un commento